2017

La Scuola Pubblica deve essere Laica

Comunicato di solidarietà al Prof. Nicolò la Rocca, dirigente scolastico della DD "Ragusa Moletti" di Palermo

logo cobas scuola 500x 250

 

Materiali Cobas utili per ottenere gli Atti del Bonus Docenti

In attesa di farlo scomparire al più presto alleghiamo alcuni MATERIALI utili per ottenere gli atti del cosiddetto BONUS Docenti (nonché del FIS) sia come singoli insegnanti che come RSU. Vorremmo capire, infatti, perché tanti Dirigenti Scolastici (e tanti docenti cosiddetti “meritevoli”) hanno "problemi" con la dovuta trasparenza nella Pubblica Amministrazione e non vogliono che si sappia chi è stato beneficiario del BONUS, per quali motivazioni e per quale importo. 

Linee-guida del MIUR sull' “educazione al rispetto”

La ministra Fedeli va a braccetto con gli integralisti catto-fascisti e regala ai genitori il potere di veto sui contenuti dell’insegnamento.
 
Per il ritiro del documento e una riscrittura coerente con i valori della scuola pubblica, laica e plurale.
 

Il 10 novembre scioperano la Scuola, i Trasporti, la Sanità, il Pubblico Impiego e il Lavoro Privato

ROMA-24-OTT.-N-10_large

Contro le politiche economiche e sociali del governo e la sua Finanziaria
 
Manifestazioni in molte città, a Roma al MIUR ore 9.30 e al Parlamento ore 11.30, al Ministero della Salute ore 9.00
 
Il 10 novembre, indetto dai COBAS e da altre strutture del sindacalismo alternativo, si svolgerà lo sciopero di tutto il lavoro dipendente, dalla Scuola ai Trasporti, dalla Sanità alle Telecomunicazioni, nel Pubblico Impiego e nel Lavoro privato. 

 

Il 10 Novembre Sciopero Generale della Scuola

22045941_1835587990085730_9179465746379330358_n

50 euro di elemosina per i docenti e ancor meno per gli ATA e 500 di aumento per i presidi, 10 volte tanto: basta con lo strapotere dei dirigenti scolastici!

Il 10 novembre la scuola sciopera contro la politica scolastica del governo e l’inserimento nel contratto della legge 107, per il recupero almeno del 20% di salario perso in 10 anni

Centinaia di scuole dicono NO alla assunzione diretta dei docenti da parte dei Presidi. E compaiono anche parecchi presidi “Inerziali”

7d2f1658fd2fa948bed884a7c2939bfea31fe618734328f031022e3a

Una delle norme più contestate e devastanti della Legge 107 è la “chiamata diretta”, che mira a stravolgere completamente il reclutamento dei docenti. Con essa infatti, il preside può scegliere a suo insindacabile giudizio, dall’ambito territoriale di riferimento, i docenti da far venire nella “sua” scuola con un incarico triennale che potrà o meno confermare alla fine del triennio. Cgil, Cisl, Uil e Snals, anziché battersi per l‘abrogazione di tale norma, stanno cercando, con una sorta di pre-Contratto Integrativo siglato l’11 aprile con il MIUR, di dar vita ad uno pseudo-coinvolgimento del Collegio docenti nella “chiamata diretta”